Pulizia fosse biologiche o settiche

Carrarespurghi garantisce la pulizia di fosse biologiche, fosse settiche avvalendosi di  personale specializzato che interviene con attrezzati  autospurghi moderni e funzionali, riuscendo ad operare anche in luoghi non facilmente raggiungibili e/o distanti dalle strade carrabili.

Le attività di pulizia, disostruzione e di pulizia delle fosse biologiche o settiche prevedono l’aspirazione di liquami o fanghi, la rimozione di incrostazioni ed il lavaggio con getto di acqua ad alta pressione, il sondaggio delle tubazioni di entrata ed uscita ed il controllo finale del corretto funzionamento dell’impianto civile o industriale.

I liquami aspirati vengono poi trasportati presso centri di trattamento e smaltimento autorizzati, con rilascio di certificati attestanti lo smaltimento, come previsto dalla normativa vigente.

Differenza tra fossa biologica e pozzi neri

I pozzi neri e la fossa biologica sono ambedue impianti dallo scarico di tipo statico, cosa differenzia l’uno dall’altro?
I pozzi neri sono dotati solo di condotto di afflusso, formato da un serbatoio sotterraneo a tenuta stagna che può variare di dimensione partendo da un volume dai due ai venti metri cubici, quando il livello dei rifiuti riempe il volume totale della struttura bisogna chiamare una ditta specializzata che si occupa di spurghi che si occuperà dello svuotamento del serbatoio con delle apposite pompe.
Mentre, a differenza dei pozzi neri, le fosse biologiche sono anche condotta di eflusso.

Fossa settica Bezault e Imhoff

Lo spurgo della fossa biologica, per una corretta manutenzione, deve essere fatto almeno una volta ogni tre anni, se non tutti gli anni. Ma osserviamo le due tipologie di fossa biologica al momento in commercio ed analizziamone le differenze, osservando specialmente il risultato finale dello spurgo.
La fossa biologica stile Bezault, è quella che viene definita “tradizionale”, è formata da due aree distinte, divise da un setto verticale. Svolgono lavori differenti: una parte serve per la sedimentazione dei materiali non solubili e la fermentazione dei materiali di scarto organici solubili. Mentre nell’altra parte, avviene la decantazione del liquido filtrato dal primo scomparto.
Nella fossa biologica stile Imhoff, troviamo una sovraposizione di due vasche, la prima serve per il processo di sedimentazione e fermentazione, nella seconda si esegue il processo di decantamento. Il refluo finale di questo tipo di fossa settica presenta un basso valore settico.
Lo spurgo della fossa biologica va effettuato con regolarità, in tutti e due i casi.

Che cosa sono le fosse biologiche

Si tratta di un sistema di fognatura, dove vanno a confluire tutti i materiali liquidi e solidi che vengono gettati negli scarichi, accumulandosi. Perciò è un sistema di drenaggio statico, a differenza dell’impianto di fognatura dinamico, in questo caso gli elementi di scarto si immagazzinano in una vasca dotata di un sistema di dispersione, mentre nel secondo vengono canalizzati lontano dalle zone urbane.

Ogni quanto va effettuato lo spurgo delle fosse biologiche

Lo spurgo delle fosse biologiche è un operazione che va effettuata con regolarità per eliminare materiali che potrebbero ostruire gli orifizi dedicati alla dispersione. In linea generale, lo spurgo delle fosse biologiche andrebbe fatto minimo una volta ogni tre anni, solitamente viene ripetuto annualmente.